The Cardinals' nest Rotating Header Image

YEARLY AWARD 2012: PITCHER

Seconda parte dei nostri premi annuali per i giocatori di Minor League, è il turno dei lanciatori.

AAA Memphis Redbirds

Brandon Dickson RHP 1984 UDFA-2006

In una squadra in cui i fenomeni hanno deluso e le schiappe si sono, ahinoi, confermate tali l’unica garanzia è stata quella di Brandon Dickson. Per la sesta stagione consecutiva ha concluso con tre virgola qualcosa di ERA e si è dimostrato un punto fermo della rotazione. Probabilmente gli manca quel qualcosa per far bene anche in Major visto che nelle poche volte che è stato usato come rilievo lungo in MLB non ha certo brillato. Come sappiamo è un groundballer abbastanza estremo, ma un totale di 104 strikeout in 141.1 inning non è affatto male, soprattutto se associato alle sole 27 walks concesse. Unica pecca è il numero alto di homerun che stranamente subisce, il che alza la FIP sopra la sua ERA di 3.63; il brutto record di 5 W e 11 L ovviamente è da imputare più ad uno scarso attacco che alle sue prestazioni. Concludiamo facendo comunque un cenno a Joe Kelly che, numeri alla mano, avrebbe fatto anche meglio; non l’abbiamo preso in considerazione perché dopo due mesi dall’inizio stagione è stato chiamato a Saint Louis e da lì non è più tornato indietro.

 

AA Springfield Cardinals

Trevor Rosenthal RHP 1990 #639-21°-2009

Tesissimo testa a testa tra Trevor Rosenthal e Carlos Martinez, senza dimenticare Seth Maness, che vede, a nostro personalissimo giudizio, prevalere il primo di un’inezia. Se come talento puro vediamo ancora meglio in prospettiva il dominicano, di oltre un anno più giovane e ancora più acerbo, quest’anno tutte le statistiche principali hanno visto prevalere Rosenthal. A suo vantaggio va anche il fatto di avere avuto tre partenze e una ventina di inning in più, ma davvero non ci sarebbe da scandalizzarsi se qualcuno avesse preferito Martinez. Il prospetto nativo del Missouri ha chiuso con 2.78 di ERA, 3.51 di FIP e 7.95 di K/9. La sua chiamata per il bullpen principale significa che per il Front Office è ormai pronto; probabilmente inizierà il 2013 in AAA, ma in caso di necessità, assieme a quello di Shelby Miller, il suo sarà il primo nome che verrà in mente per integrare la rotazione dei partenti al Busch Stadium.

 

A+ Palm Beach Cardinals

Ryan Sherriff LHP 1990 #860-28°-2011

Come abbiamo già avuto modo di dire più volte la stagione della rotazione della nostra quarta squadra deve essere divisa in due parti: un breve inizio in cui i vari Martinez, Maness e Castillo hanno avuto prestazioni super ed un lungo periodo di “sopravvivenza” da quando i tre succitati sono stati promossi a Springfield. E’ in questo ambito che cerchiamo il miglior lanciatore dell’anno e l’unico nome che spicca sugli altri è quello di Ryan Sherriff. Il giovane mancino californiano che, pur non sfigurando, aveva giocato poco nella seconda parte della stagione del draft è stata una delle rivelazioni del 2012 con una ERA di 3.25 in 16 partenze nelle quali ha avuto un record di 10 W e 3 L. Decisamente buona la sua WHIP di 1.02 anche se il rapporto BB/K, nei 97 inning lanciati, pari a 20/57 non è proprio esaltante. Un altro che avrebbe potuto meritare il premio è sicuramente Chris Corrigan anche grazie al suo Perfect Game lanciato il 29 agosto, ma preferiamo pensare che sia meglio guardare all’intero anno anziché una sola magica serata seppur memorabile.

 

A Quad Cities River Bandits

Kyle Hald LHP 1989 #560-18°-2011

Non ha giocato per l’intero anno nella squadra dell’Iowa, ma 16 partenze sono più sufficienti per guadagnarsi il nostro premio. La prestazione stagionale del mancino Kyle Hald in Midwest League è stata decisamente positiva tanto da valergli la chiamata al livello superiore già a metà luglio. La sua ERA è stata di 3.10, ma ancor più interessante è stata la sua FIP di 2.57 ottenuta grazie ai solo quattro homerun subiti e alle appena 13 basi per ball concesse; il numero degli strikeout, settantasette in novanta inning, è molto buono soprattutto per un lanciatore non molto alto e che non ha nella velocità la sua qualità principale. E’ molto probabile che inizi il 2013 dove ha concluso questa stagione e non è detto, vista la cronica assenza di LOGGY nella nostra franchigia, che non venga preso in considerazione per entrare nella pattuglia dei futuribili rilievi mancini.

 

A- Batavia Muckdogs

Tyler Melling LHP 1988 #1190-39°-2011

Non può certo passare inosservata la prestazione del mancino Tyler Melling anche se è comunque difficile considerarlo un prospetto interessante perché, per un 24enne, la prova nei campionati di short season è tutt’altro che proibitiva, visto che a quell’età si dovrebbe essere già almeno in doppioA. Resta comunque a referto la prestazione che, in termini assoluti, è senz’altro meritoria del nostro premio; Melling da discreto rilievo in Gulf Coast League nella stagione d’esordio ha saltato un livello ed ha lanciato da partente per un’ERA da 2.01, con una WHIP di 1.06 ed un buon rapporto BB/K pari a 4/46 in 67 riprese lanciate. In conclusione possiamo dire che probabilmente non diventerà mai un campione in MLB, ma il suo 2012 è stato molto utile alla sua squadra.

 

RK+ Johnson City Cardinals

Zachary Petrick RHP 1989 UDFA-2012

Zachary Petrick è stato firmato questo inverno come free agent giusto per rimpolpare un po’ il bullpen. E’ andato bene nelle sue prime sei uscite concedendo solo due punti in 10.2 inning con ben 17 strikeout e quando si è presentata l’occasione è stato provato come starter. E’ piaciuto e fino a fine stagione non è più stato tolto dalla rotazione e, totalizzando 10 partenze, ha chiuso con 9 ER in 35 riprese per un’ERA totale di  2.17 con un rapporto BB/K di 9/50 nei 45.2 inning totali trascorsi sul monte. Molto interessante è la WHIP pari a 0.92 e siamo curiosi di vedere dove verrà collocato nel 2013; è probabile che venga confermato come partente magari facendolo avanzare di un livello oppure, e noi siamo più di questo avviso, è possibile che venga spostato già subito in full season, in singoloA, per essere utilizzato come rilievo.

 

GCL Gulf Coast League Cardinals

Fidencio Flores RHP 1991 UDFA- 2011

Dobbiamo confessarvi che per la minore delle formazioni in terra USA siamo stati tentati dal prendere una monetina e fare il più classico dei testa o croce. Oggetto del contendere sono i due nicaraguensi Fidencio Flores e Jhonny Polanco che si sono scambiati nel corso della stagione il ruolo di starter e di rilievo alternando brevi partenze a lunghe uscite dal bullpen. Sono stati entrambi più che ottimi e solo d’un soffio la preferenza va al primo dei due. Flores ha avuto una ERA di poco migliore con 1.56 rispetto all’1.91 del collega, la FIP è invece pressoché identica; nel rapporto K/9 sarebbe migliore Polanco con 10.36 contro 8.93, ma se andiamo a controllare anche il numero delle basi per ball e quindi, indirettamente, anche la WHIP torna a prevalere Flores. Premio annuale a lui quindi, ma se fosse nostra abitudine assegnare degli ex-aequo questa sarebbe stata la situazione ideale.

 

DSL Dominican Summer League Cardinals

Luis Perdomo RHP 1993 UDFA-2011

Bella sfida interna anche quella tra i pitcher della nostra accademia dominicana con coinvolti ben più di due soggetti. Almeno sei elementi hanno avuto prestazioni molto buone, per non parlare anche di una manciata di rilievi. Fra tutti un plauso va ad Isaac Silva, ma il premio del miglior lanciatore del 2012 ci sentiamo di assegnarlo al diciannovenne Luis Perdomo. L’abbiamo visto in campo per nove volte e in 47.2 inning sono stati solo 12 i punti entrati a suo carico per una ERA di 2.27; la sua FIP è stato ancora migliore grazie al fatto di non avere subito alcun fuoricampo, che ad onor del vero è cosa abbastanza sporadica in Dominican Summer League. Gli strikeout sono stati 47 a fronte delle solo 8 walks che sono un quantitativo molto basso considerato che a quest’età solitamente il controllo è tutt’altro che definito. Per lui ad Agosto c’è già stato il trasferimento in Florida e siamo certi che dalla prossima stagione lo vedremo avere a che fare con il vero baseball a stelle e strisce.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>